VOCI DAL GRUPPO

Vuoi partecipare alla vita del gruppo? Vuoi far sentire la tua voce? Hai una storia da raccontare… un’emozione o un’esperienza da condividere… una notizia da comunicare al gruppo? Questo spazio è per te: inviaci il testo ed eventuali immagini all’indirizzo info@fanocorre.com e lo pubblicheremo.

FANO CORRE 2016

 

 

La domenica mattina

gim su e giù per la culina

come tanti scatenati

tutti mezzi adurmentati.

 

Già  davanti c’è chi guida

mentre dietra c’è chi grida:

“En cminciam sa le salit

propri ogg che so’ mezz git!”

E’ Maurizio l’iron man

che al mument en sta tant ben

se lamenta del polpacc

ogg de bon c’ha sol i bracc.

 

Su ragazzi pochi crucci

parte forte la Binucci,

per sta dietra ma l’Effat

tra tutt do’ ce fan da  matt,

lora fresche cume nient

ma no c’prend un  acident.

 

Quand in cima el mar se svela

tosto arriva la Daniela

sensa un gocce de sudor

mentre no’ gambian culor.

È seguita da l’Ornella

ch’ strign i dent e non favella

finch’en fnisc  de gì’n salita

pu pol gì un po’ più spedita.

 

Or che siamo compattàti

più distesi e un po’ sudati,

d’impruvis non si sa come

da de dietr’arriva Dome

che s’lamenta che gim fort

e c’ne dic de tutt le sort,

pù se spign fin al traguard

sens’avè nisciun riguard

per chi fuss armast da pied,

s’en el vedi en ce se cred!

 

‘Na niù entri, un de chi boni,

è Roberto Tomassoni

che s’impegna a più non poss

cur spedit anca tra i foss,

pù cuntrola quant ha cors

ch’en vria avé nisciun rimors!

 

Quando c’è la nostra Carla

Claudio subito ci parla,

lui l’accoglie con ardore

come sempr i dic “Ammore”,

finchè arriva anche Graziano

che i la frega piano piano:

due parole tra colleghi

non c’è un che gliele neghi!

 

Chi sgambetta ben benino

è il nostro amico Nino ,

da quest’ann fa anca le gare

dalla piana al collinare

guarda gli altri di sottecchi

pensa ancora ma Muntecchi.

 

Ogni tant ce part in quarta

Il buon Paolo da Sparta,

che tutt rott come s’artrova

mett ma tutti a dura prova.

È n’atleta eccessiunal

va fort anca se sta mal

inseguit da Paoletta

che  lo segue senza fretta.

 

Qualca volta, rarament,

sa no’ curr el President

che dichiara sensa tema:

“Vag pian pian c’ho qualch prublema”

pu s’avvia, dic lentament,

finch’en el vedem per nient

ch’el pian sua rispett a no’

è già fort un gran bel po’!

 

Terminam sta tiritera

sa la voja più sincera

d’artruvac, sol per diletto,

tutti dmenica al campetto!!!

 

(giugno 2016 – Giagi)

QUEI DE GIAGI

 

Quand se curr sa Fano Corre

si sorride e si discorre,

più che altre t’la pianura

che in salita è roba dura.

Molti pro de sta cungrega

è un gruppet che poc i frega

de ragiungia gran primati

l’impurtant è ’ssa arivati

e se han da fatigà

dop sigur volne magnà,

ovviament roba legera

se no chioppen per davera!

 

In sta schiera d’allegroni

balza all’occhio Battistoni

ch’en curr mai, mo ce credrit,

sempr’è prim in tle salit!

Quand  cumpare da distant

en scuncerta più de tant:

“Du  vra gì sa chel gran pacc?!”

det e fat t’la mett tel sacc

ed arriva surident

cum n’avessa fatt mai nient.

 

La battaglia si fa accesa

alla vista d’la discesa

quando parte come un razzo

il buon Claudio, il paparazzo

che i fan mal cosce e ginocchi

ma de bon c’ha semper i occhi

ch’punt’adoss ma le signore

quand le ved i dic “Ammore,

c’ho ‘na mucchia de quadrin

ne poss spenda sensa fin!”

 

In ste grupp c’è un friulan

 de cugnome fa Dazzan,

‘n ti su mont  va per i foss

e  discur a più non poss

de quand gira per la Schnell

o s’immerg ch’è anca più bell!

Corre come uno stambecco

s’ appassiona sal prosecco

che a San Vito è talment bon

che molti c’fan le trasfusion!

 

Quand a cura c’en le donn

pronto Orli, furbacchion

s’avicina e pu l’afianca

de lascial en c’pensa manca,

i s’rivolg sa gran riguard

cum un vero body-guard

sta a sentì le lora stori

da cui noi stem sempre fori,

la paciensa che c’met lù

da chel dì ch’en c’l’aven più!

 

Da distant vedi ma Chico

che cum curr manco lo dico,

vien de corsa tut slalat

discur subit d’le magnat

se se fan t’un risturant

e se pu sarim in tant:

“Quel che conta è de sta insiem

pù s’putessa magna ben

en farismi un pel de dann

el putrismi fa tutt l’ann!”

 

D’impruvis un juventin

sboca fora dal stradin

vien in fretta da l’Auchan

e festegia semper i ann!

Dic Bertozzi “sit siguri

che a Fabrizio en fatt i auguri?”

pu el strign t’un angulin

taca a mnai cum ‘n’asasin

finchè quest en se sgavina

e pu i fa ‘na risatina.

 

Qualca volta cur sa no’

un ch’esercita un bel po’

l’art antica più sugnata

che’è anca mej se praticata!

Parla poco mo fa i fatt

donn intorne c’na da matt

c’en cle mej, cle tant e quant,

quel ch’el porten più distant,

de sigur qualcuna è bona

e i fa fa la maratona.

 

Dal Vesuvio con furore

viene un grande corridore

che va fort un gran bel  po’

e che a volte dic: “Quagliò”

In tle cors è sempr in cima

va su e giù per la collina

e c’aspetta con pazienza,

qualche volta per decenza,

che sa i temp che facen no’

lù de cors ne faria do.

 

A le ultime elesion

aven fatt un figuron

tel cunsili c’è bucat

Gacio el re di pensiunat.

Col suo fare da signore

ha ceduto a malincuore

ala cort del president

e di Cenci el su’assistent

ch’i chiedeven con preghiere

de fa il ruolo di cassiere.

 

C’è alla fine anche Simone

con lo sguardo un po’ sornione,

cur sa no’ ‘na volta sola

ma quand prend el pass s’invola

tra le prime pusision

sensa tanta cunfusion.

 

Se tl’uscite se sparagna

i da sotta quand se magna

dic ch’i piac la cumpagnia

finch’en fnisc en va mai via!

 

I aderenti a quei de Giagi,

en sarien manca malvagi,

volne rida e schersà insiem,

cert se volne anca un po’ ben,

de sigur, questo lo ammetto,

tra di loro gran rispetto.

Pur diversi come menti

tutti più che intelligenti

perché ognun, s’en è quaon,

cerca in ch’i atre el lat più bon!

 

(Giagi - maggio 2016)